Sentieri Partigiani

Con l’aiuto del Comune di Bergamasco stiamo realizzando il progetto di una camminata sui sentieri della memoria che ricordano le gesta dei partigiani nel 1944 durante il periodo della REPUBBLICA PARTIGIANA DELL’ALTO MONFERRATO.

Nell’estate del ’44 si costituisce, soprattutto nel territorio a Sud del Tanaro, una fitta rete di Comitati di liberazione nazionale, di cui il più importante è quello di Nizza Monferrato perché nasce nella città che, con Canelli, rappresenta il centro urbano di riferimento per tutta la zona meridionale della provincia. E’ il periodo della “grande stagione della Resistenza”, della grande illusione sulla prossima e vittoriosa conclusione della guerra.

La zona è ormai matura per perfezionare e consolidare l’esperimento di autogoverno democratico con l’istituzione di un vero e proprio organo dirigente politico che si occupa di impartire direttive comuni nei vari settori, di regolarizzare normative in determinati ambiti, che funga da organo centrale di coordinamento.

Nasce così la zona libera dell’Oltretanaro, che nell’autunno del 1944, dà vita alla repubblica partigiana dell’Alto Monferrato che coordina l’attività di quaranta comuni controllati ed amministrati dalle forze partigiane ed antifasciste con sede a Nizza Monferrato e ad Agliano Terme. Il massiccio e violento rastrellamento nazifascista del 2 dicembre 1944 pone fine a quest’esperienza, causando lo sbandamento delle cinque divisioni partigiane operanti nella zona ma anche la fine di quell’illusione di pace e di libertà che le popolazioni contadine avevano imparato a conoscere per pochi mesi.

La memoria dei luoghi che andremo a visitare tra i quali anche CASTELNUOVO BELBO E BRUNO viene custodita dalle amministrazioni e dall’ISTRAT che insieme ad altre organizzano eventi e ricorrenze.

A Castelnuovo Belbo feremo visita alla collina CARLSON, dove un cippo ricorda la morte di un pilota alleato precipitato con il suo aereo dopo aver aiutato i partigiani durante lo scontro del 4 novembre 1944. La sua dipartita avvenne quando al secondo assalto da parte di due aerei statunitensi, pilotati dal capitano Zane Elwood Carlson e dal tenente Kregloh, la contraerea tedesca centrò uno dei velivoli. Carlson riuscì a gettarsi col paracadute, ma a bassa quota: soccorso dai civili, morì mentre i partigiani lo trasportavano all’ospedale di Nizza Monferrato. La battaglia infuriò a lungo e segnò anche il grave ferimento del partigiano Donato Rivella, che successivamente perì.

A Bruno . Il 20 ottobre 1944, tre colonne di militari dell’esercito repubblicano, della GNR e della Brigata Nera di Alessandria, coadiuvati da militari tedeschi attaccano la zona libera. Si registrano scontri nella zona di Quaranti, Mombaruzzo e Bruno. A Mombaruzzo vengono catturati tre partigiani, uno di loro, Pietro Boidi, viene seviziato e quindi fucilato. Negli scontri perde la vita un altro partigiano, a Bruno.

Nei rastrellamenti che seguirano a Bruno e Mombaruzzo 8 case vengono date alle fiamme nella zona di Mombaruzzo stazione.

Durante la visita ci sarà la possibilità di visualizzare sul campo di battaglia i luoghi dove si combattè e sentire testimonianze dei figli e nipoti dei partigiani che parteciparano agli eventi in essere.

Se vi interessa l’argomento si può approfondire con la bibliografia che pubblico qui sotto:

Bibliografia: Anna Bravo, La repubblica partigiana dell’Alto Monferrato, Giappichelli, Torino, 1964, pp. 60-68. Luigi Carimando, Mario Renosio, La guerra tra le case. 2 dicembre 1944, L’Arciere, Cuneo, 1988 Davide Lajolo, A conquistare la rossa primavera, Rizzoli, Milano, 1975, pp. 142-148 Nicoletta Fasano, Mario Renosio, Un’altra storia. La Rsi nell’Astigiano tra guerra civile e mancata epurazione, Israt, Asti, 2015, pp. 195-197 Nicoletta Fasano, Mario Renosio, Dare un volto alla memoria, «Asti contemporanea», n. 5, 1997, pp. 8- 157. Mario Renosio, Colline partigiane. Resistenza e comunità contadina nell’Astigiano, Franco Angeli, Milano, 1994, pp. 172-176 Mario Renosio (a cura di), Vittime di guerra. I caduti astigiani nella seconda guerra mondiale, Israt, Asti, 2008

COLLINA C. CARLSON nelle campagne di Castelnuovo Belbo




#SCOPRIAMOINOSTRISENTIERI sabato 11.01.2020

CARENTINO – BRUNO – MOMBARUZZO e rientro da Bosco della Comunna e delle Sorti

Escursione di 12 km (se fatta completa con partenza da Carentino) su terreno misto. All’andata il percorso si sviluppa su strada bianca passando tra boschi e vigneti sino a giungere all’abitato di Bruno dove si prende il sentiero CAI che conduce attraverso un bellissimo sentiero panoramico a Mombaruzzo.

Dopo una sosta ristoratrice per un caffè in uno dei bar storici del paese, rientreremo a Bruno attraverso il Bosco della Comunna e delle Sorti per un viaggio nel tempo attraverso i sentieri che percorrevano i viandanti e i commercianti di legname in direzione della strada Franca che collegava Bergamasco a Felizzano.

Il rientro a Bruno è previsto per le 12.15 e a Carentino per le 12.45 massimo.

Per permettere la migliore esperienza di cammino consigliamo la prenotazione al 3347918068 DEVIS

GRAZIE


MONTE TOBBIO

Tradizione vuole che l’ultima settimana dell’anno si salga al Monte Tobbio (1092 m.s.l.m) per salutare l’anno che ci ha accompagnato.

il Monte è la montagna posta al centro del Parco naturale delle Capanne di Marcarolo e fa parte dell’Appennino Ligure.

Rispetto a tutti gli altri rilievi di questa porzione di Appennino, il Tobbio spicca per la grande visibilità (dalla pianura antistante), dovuta ai suoi versanti spogli e particolarmente scoscesi. Sulla cima vi è una chiesetta edificata nel 1897 e dedicata a Nostra Signora di Caravaggio e un rifugio d’emergenza di proprietà del Club Alpino Italiano di Novi Ligure. Dalla sua cima si possono scorgere sia il golfo di Genova, distante soli 18 km in linea d’aria, che le colline della Langa e del Monferrato che vaste porzioni dell’arco alpino e, in giornate di eccezionale visibilità, la Corsica.

Ci sono varie vie da accesso, da Bosio e da Voltaggio e se si raggiunge in auto dagli Eremiti a poca distanza dal Monumento dei Martiri della Benedicta.

Il sentiero da noi percorso è il 401


I Monti sono maestri muti e fanno discepoli silenziosi.
(Johann Wolfgang von Goethe)

Non c’è montagna più grande di quella che non scalerò, non c’è scommessa più grande di quella che non giocherò

PER IL 2020 vi AUGURO tante gite, tante nuove escursioni ed esperienze da vivere con la testa, il cuore e le gambe.

QUESTO IL MIO AUGURIO PER L’ANNO CHE VERRA’
ps. se poi avete bisogno di una guida escursionistica o di un osteopata fatemi un fischio 🙂

ingresso sentiero parco di Rocchetta Tanaro
il Tanaro visto dall’alto CHIESA Rocca D’Arazzo
la chiesa della madonnina e il palazzo comunale ad Oviglio

camminando nella storia: LA CITTADELLA di Alessandria

Vicino al ponte Meier, a 800 metri a piedi dalla stazione ferroviaria di Alessandria, possiamo trovare un vero e proprio tesoro. La Cittadella militare di Alessandria.

Da qualche anno il FAI, l’amministrazione comunale, i bersaglieri e la sopraintendenza si stanno battendo per salvaguardare questo importante patrimonio e renderlo fruibile per quanto possibile a tutte le persone che lo vogliono scoprire e visitare.

In quest’ambito oltre alle manifestazioni che vengono organizzate, il FAI vorrebbe creare con i suoi volontari un percorso conoscitivo con passaggi nei fossati e nei punti più belli e sconosciuti della fortezza.

La Cittadella di Alessandria costituisce uno dei più grandiosi monumenti europei nell’ambito della fortificazione permanente del XVIII secolo , uno dei pochi ancora esistenti e sicuramente uno dei meglio conservati in Europa. È l’unica fortezza di pianura costruita dai Savoia nel XVIII secolo ed è l’unica fortezza europea ancora oggi inserita nel suo contesto ambientale originario: non esiste uno schermo di case che chiude la visuale dei bastioni, o una strada ad alta percorrenza a circondare i fossati.

La Cittadella di Alessandria, fortezza di primo rango, venne concepita per funzionare da sbarramento dei transiti militari della “Strada di Fiandra”. È un perfetto esempio di fortificazione alla moderna, si compone di sei fronti bastionati forniti di cavalieri, collegati da spesse cortine rettilinee e percorsi da gallerie e casermette. Tra le meglio conservate d’Italia, sorge sulla sponda sinistra del fiume Tanaro, nel comune di Alessandria.

Sui bastioni della cittadella venne innalzato il 10 marzo 1821, per la prima volta nella storia d’Italia, il vessillo tricolore da parte del Tenente Colonnello Guglielmo Ansaldi.

Dal 2006 la cittadella (già monumento nazionale) è stata inserita nella “Tentative List” per la candidatura alla lista del patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.

per ulteriori informazioni sulla storia della cittadella cliccate sul link https://it.wikipedia.org/wiki/Cittadella_di_Alessandria

se però volete vivere una esperienza diretta nei luoghi e sentirvi raccontare episodi, vedere con i vostri occhi le meraviglie di questa fortezza, passeggiare tra i fossati e sui bastioni contattatemi per un tour completo di 1 ora e mezza.

siti utili:

https://www.fondoambiente.it/

SUPERGA VEZZOLANO CREA

visita alla ABBAZIA DI VEZZOLANO

Capita che in una domenica piovosa, presi dalla noia ci si avvicini al tablet, si digiti sulla tastiera, PIEMONTE EVENTI e ci si ritrovi a leggere che la prima domenica di ogni mese i musei siano aperti.

Ecco una bella cosa da fare! Ma se non voglio andare proprio in museo? Pronti si presenta l’opportunità di visitare anche le chiese e i monumenti. Incuriosito da Vezzolano da lungo tempo e continuando a sfiorarla con l’organizzazione del cammino da Superga a Crea decido che è arrivato il momento di visitarla, seppur non sia da pellegrino camminante, ma motorizzato, favorito dalla buona compagnia della J.

Il paesaggio in auto è comunque molto gradevole visto i colori dell’autunno e le strade sulle colline a salire e scendere passando dal Monferrato alle Langhe, gioendo di alcuni raggi di sole tra i filari di Freisa e Barbera.

Al nostro arrivo la gentilezza dei volontari e la loro capacità oratoria hanno fatto il resto, gita e visita consigliatissima.

La chiesa dell’Abbazia è dedicata alla Vergine Maria, al cui culto erano particolarmente dedite le canoniche riformate di Sant’Agostino, l’ordine che aveva formato la canonica di Vezzolano. Il primo documento che ne fa menzione è del 1095

L’abbazia Si trova nell’astigiano nord-occidentale a 25 km da Chivasso e a 35 km da Asti, nel paese di Albugnano dal quale si può raggiungere facendo una lunga discesa asfaltata.

L’abbazia ha subito come tante altre strutture ecclesiastiche periodi di favore in cui si espandeva e diventava più bella (vede il favore di papi e imperatori) ad altri periodi di decadenza.

Fa parte di un circuito chiamato ALLA SCOPERTA DEL ROMANICO ASTIGIANO. All’ingresso si possono ritirare tutte le informazioni per fare gli itinerari completi e ritirare la cartina dove vengono applicati i timbri di ogni chiesa. Una bella iniziativa che stimola al passaggio.

L’Abbazia è sul percorso CAI denominato SVC che va da Superga a Crea e sul cammino di DON BOSCO.

QUI SOTTO I LINK DOVE POTETE TROVARE LE INFORMAZIONI

http://www.turismoincollina.it/

https://piemonteoutdoor.portali.csi.it/it/attivit%C3%A0-codice-itinerario/svc

http://www.comune.asti.it/pagina718_percorso-del-romanico-astigiano.html

bibliografia: FRANCO CORREGGIA – edizioni del Capricorno – ALLA SCOPERTA DEL ROMANICO ASTIGIANO

CAPANNE DI MARCAROLO

«… camminando verso la montagna, occorre la pieve di S. Stefano, qual fa cinquanta fuochi. E di qua si monta alla sommità del giogo in un luogo nominato le Capanne, che fanno venti fuochi, in circa, con un bosco di dodici miglia abbondante di materia per la fabbrica de’ navigli. … ed alle Capanne si fa quasi ogni giorno mercato tra genovesi e lombardi.»
(Agostino Giustiniani, “Annali della Repubblica di Genova”, 1537)

Partendo da Alessandria di prima mattina si possono raggiungere luoghi ricchi di storie e di elevato valore paesaggistico in una cinquantina di minuti.

Così è capitato, insieme agli amici del corso di GUIDA NATURALISTICA di Asti, di avventurarsi insieme al PROF. BAJARDI in una bella escursione tra le cascine e i boschi.

Una visita all’ECOMUSEO e ALL’ABBAZIA DELLA BENEDICTA hanno arricchito il nostro viaggio con riferimenti storici e antropici che ancor oggi restano vivi.

il ritrovo a VOLTAGGIO
CONSULTAZIONE DELLA MAPPA DEI SENTIERI PRIMA DELLA PARTENZA
il monte TOBBIO 1082 m.s.l.m.

DALL’ALTO LA ZONA DELLA BENEDICTA
rocce metamorfiche – serpentinoscisti.

CROCUS


è un genere di piante spermatofite monocotiledoni bulbose appartenenti alla famiglia delle Iridaceae. Sono piante erbaceeperenni dal fiore a forma di coppa
FONTE WIKIPEDIA
larva di LIBELLULA
PULCE D’ACQUA
salamandra
IL SENTIERO CHE PERCORREVANO I CARRI si può riconoscere grazie al taglio e le potature dei castagni e dei faggi.
castagno da frutto
ciò che rimane della condotta che un tempo era stata studiata per collegare Genova a queste montagne, per raccogliere le acque piovane.
alla ricerca di larve
l’arrivo all’ECOMUSEO
I PANNELLI INFORMATIVI fronte all’abazia della benedicta

SE VOLETE PASSEGGIARE PER QUESTI SENTIERI E AVETE VOGLIA DI FARE UNA GITA ORGANIZZATA CONTATTATEMI 3347918068 grazie 

https://youtu.be/zFNTJTVQwlE

QUI SOPRA LA TESTIMONIANZA DI UN PARTIGIANO CHE RACCONTA L’ECCIDIO DELLA BENEDICTA

su e giù alla scoperta del GTA

il GTA è un itinerario escursionistico di lunga percorrenza che unisce tutto l’arco alpino occidentale del Piemonte, in Italia, nato ispirato dall’esperienza francese della Grande Traversée des Alpes verso la fine degli anni settanta, che cerca di privilegiare i luoghi meno conosciuti dal turismo di montagna.

Il percorso è suddiviso in 55 tappe della durata da cinque a otto ore di marcia; solitamente alla fine di ogni tappa vi è una apposita struttura ricettiva (posto tappa GTA), oppure un rifugio; si snoda dai monti di Domodossola fino alle Alpi liguri per una lunghezza complessiva di circa 1.000 km, sovrapponendosi in alcuni tratti al percorso della Via Alpina ed è marcato con un segno a tre bande Rosso-Bianco-Rosso con la scritta gta nel centro.

Ho percorso alcune di queste tappe da Argentera a Bagni di Vinadio sui sentieri 16,17,19,21,22,23,27,28. Una bella esperienza che riporto qui nel foto racconto.

BAGNI DI VINADIO Sterpeis (PUNTO TAPPA GTA) 1281 m.s.l.m. – SANTUARIO DI SANT’ANNA 2010 m.s.l.m.- D+ 1410 m. 9 km ALTEZZA MAX RAGGIUNTA 2231.


STREPEIS (PUNTO TAPPA GTA) 1281 m.s.l.m. – PASSO LAROUSSA – RIFUGIO MIGLIORERO – SAN BERNOLFO AD ANELLO m.s.l.m.- D+ 2284 m. 18 km ALTEZZA MAX RAGGIUNTA 2412.

VALLE STURA anello da PONTE DEL MEDICO 1544 m.s.l.m. – COLETTO BERNARDA – SENTIERO BALCONE – COMBA GIAS VERDE e rientro D+ 2010 m. 15 km ALTEZZA MAX RAGGIUNTA 2666 m.s.l.m.


ABRUZ2019

Prendi il blu, il verde, il giallo, il grigio e mettili tutti in un contenitore, poi lanciali verso il cielo e attendi che il paesaggio si formi… troverai la Valle del Saggittario, il Passo Godi, La montagna marsicana e i suoi orsi , gli antichi borghi di Scanno e Frattura Vecchia, Civitella Alfadena con i suoi lupi e le sue linci, Sulmona con la vista sul monte Morrone e il Massiccio del Gran Sasso e poi le tradizioni, la cucina tipica, i costumi delle donne dell’800, il Bar Abruzzo a Scanno con la sua rassegna fotografica, Anversa degli Abruzzi e Castrovalva. Le pecore, i pastori, D’Annunzio, il monte Genzana, la Terratta, Godi… i fiori, le api, gli insetti, i cervi, i caprioli e i camosci… metti una vacanza in Abruzzo 🙂

il monte MARSICANO dell’Altosannio

RIFUGIO PASSO GODI 1606 m.s.l.m. – CIMA DELLO SCALONE 2212 m.s.l.m.

Da Frattura Vecchia al Monte Genzana (2170 m.s.l.m.) passando per il rifugio del monte  Cona. 

Passo Godi – Monte Godi (2011 m.s.l.m.)

seggiovia SCANNO – rifugio MONTE ROTONDO – valico del Carpale – Serra Ciminiere – Serra della Terratta

moleto@moon

ESCURSIONE NEL MONFERRATO CON LA LUNA PIENA

il 16 luglio 2019 ci siamo divertiti a percorrere il sentiero 746 che ad anello porta dal parcheggio di Moleto al Bar Chiuso.

Un gruppo di dodici temerari ha sfidato il terreno impervio, le zanzare per poter dar gioia agli occhi osservando da prima il tramonto e poi la Luna Piena che piano piano veniva coperta dall’eclisse.

Il percorso di 6.5 km passa vicino al comune di Ottiglio e poi cala nella Valle dei Frati per risalire lungo un crinale contornato di vigne sino alla chiesetta sul prato del Bar Chiuso.

L’itinerario prevede una breve salita iniziale su asfalto per poi scendere in vigna e nel bosco su terra. Usciti dal bosco, ricco di nocciole e castagne, specie arboree come polmonarie e bardana si raggiunge la strada di ghiaia che porta ad Ottiglio. La discesa tra le vigne e boschi è in ciotolato sino ad arrivare a fondo valle dove troviamo sabbione. L’anello si chiude su vigna con terriccio ed erba.

La bella ed emozionante serata è stata arricchita dalla LUNA che a partire dalle 18.30 ha iniziato a coprirsi per via dell’eclisse. Durante il percorso, senza utilizzo delle frontali, abbiamo potuto osservare lo sviluppo dell’eclisse.

Al termine dell’escursione soffermandoci sui prati del Bar Chiuso nelle vicinanze della chiesetta dedicata a S.Michele abbiamo osservato il massimo della copertura alle 23.30. Copertura parziale e non totale.

se volete fare una gita a tema accompagnati da guida naturalistica contattatemi 3347918068